UNA DIETA INVERNALE

Durante la stagione invernale, il clima freddo agisce a livello dell’organismo umano determinando alcune modificazioni metaboliche.
Innanzi tutto vengono stimolati i centri della fame che provocano un aumento dell’appetito, in quanto l’organismo necessita di maggiori calorie per fronteggiare le basse temperature.
E’ consigliabile non contrastare questa tendenza, ma assecondarla, nutrendosi preferibilmente con alimenti energetici, come carboidrati, che sono facilmente digeribili e velocemente assimilabili. E’ preferibile assumere bevande calde, privilegiando tè, tisane o infusi di erbe.

Durante i mesi invernali è preferibile anche frazionare i pasti in più volte, per non lasciare vuoto l’apparato digerente  per lungo tempo:si possono pertanto assumere spuntini intervallati ai tre pasti principali.
Questo suggerimento serve anche per non affaticare il processo digestivo.
Un corretto regime alimentare tipico delle basse temperature deve anche assicurare un sufficiente apporto di glucidi complessi, che fungono da riserva energetica, così come deve essere corretta anche l’ingestione di grassi, preferibilmente vegetali.
E’ indispensabile poi assumere integratori alimentari e polivitaminici, per rafforzare le proprie difese, favorendo l’attività del sistema immunitario
Bisogna tuttavia fare in modo che il peso corporeo non aumenti oltre al  proprio valore fisiologico, calcolando il numero delle calorie introdotte con la dieta e quelle spese sia per contrastare il freddo sia per svolgere le normali attività vitali.
Un esempio di dieta invernale potrebbe essere:
– Colazione
Caffè o tè con zucchero di canna ( o miele)
Una fetta di pane integrale o quattro fette biscottate integrali o sei biscotti secchi con miele
Un bicchiere di latte parzialmente scremato
Un frutto di stagione

-Spuntino
Uno yogurt magro alla frutta
Quattro biscotti secchi

-Pranzo
Riso o pasta integrale (80 gr) conditi con passata di pomodoro e un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e parmigiano grattugiato (o ricotta)
Carne bianca o pesce magro (120 gr) alla griglia insaporito con spezie o erbe aromatiche
Verdura fresca di stagione cruda

-Merenda
Tisana o spremuta di agrumi
Un frutto di stagione (crudo o cotto)

-Cena
Zuppa di verdure di stagione con parmigiano reggiano
Formaggio magro (ricotta, fiocchi di latte) 100 gr
Una fetta di pane integrale
Frutta cotta

 

E’ consigliabile inoltre bere molto, almeno due litri al giorno, per eliminare le tossine accumulate, per attivare la diuresi renale e per impedire eventuale stasi di liquidi corporei

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *