Vasco Rossi, “Questa storia qua”: dal 7 settembre al cinema

Questa storia qua“, un film-documentario su Vasco Rossi, volendo dare della pellicola una definizione riduttiva, una ricerca antropologica sulle origini di una rockstar anticonformista in un momento in cui l’anticonformismo rappresentava la regola, secondo i critici più attenti.

In questo film, che sarà presentato al Festival del cinema di Venezia 2011, troveremo il racconto, il ricordo, ma soprattutto la musica di Vasco.

Sybille Righetti e Alessandro Paris, due registi atipici, hanno infatti descritto la rockstar italiana per eccellenza in modo diverso e inatteso, puntando a rappresentare l’uomo Vasco Rossi, con la sua fragilità, la sua complessità e la sua grande umiltà; questo ritratto è stato ottenuto scavando in molto materiale di repertorio di ogni epoca, ma mantenendo le sue canzoni come filo conduttore della narrazione.

Paris e Righetti iniziano il loro percorso narrativo da Zocca: raccontano del dolore di  Vasco orfano di padre, di quella “Vita spericolata” nata in una giornata di pioggia, di “Bollicine”, che ridicolizzava gli spot pubblicitari dell’epoca. Raccontano ancora di “Punto Radio”.

La radio libera di cui Vasco fu uno dei fondatori e che gli costò un processo con successiva assoluzione, atto questo che segnò uno dei primi segni di liberazione dell’etere; parlano delle lezioni di valzer impartitegli dal padre e dei cinque giorni trascorsi in isolamento per detenzione di stupefacenti, giorni infiniti, che non passavano mai.

Di lui c’è tutto, anche la inconfondibile cadenza modenese fuori campo, un po’ strascicata, che rivela sempre ironia, ma anche un velo di tristezza.

C’è il racconto di un lungo viaggio, da Zocca al successo, andando sempre al massimo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *