Vi piace correre? Scopri i benefici della corsa

FA BENE AL CUORE

Lo fa rendere di più con minor sforzo. Con l’esercizio le fibre del muscolo cardiaco si rafforzano, le sue cavità si allargano e di conseguenza il cuore può pompare più sangue a ogni contrazione. Prima dell’allenamento, a ogni pulsazione può pompare meno di mezza tazza di sangue; ma dopo l’allenamento, può pomparne quasi una tazza. Pompandone di più, batte più lentamente e si riposa di più fra una contrazione e l’altra. Grazie a questo allenamento, nel corso di un certo periodo di tempo le vostre pulsazioni, a riposo, possono diminuire da 10 a 20 al minuto. Con l’allenamento le piccole arterie che portano sangue al cuore si allargano e sono in grado di inviare al cuore sangue più ricco di ossigeno. L’allenamento fa anche abbassare gradualmente la pressione sanguigna.
FA BENE AI POLMONI
Per l’esercizio intenso le fibre muscolari richiedono grandi quantità di ossigeno. Lo prendono dal sangue, che lo ricava dai polmoni. I polmoni, con le loro centinaia di milioni di alveoli, che formano un tessuto spugnoso, sono efficienti fornitori di ossigeno per il sangue che li irrora. I polmoni sono molto flessibili e con l’esercizio cambiano in fretta. I loro vasi sanguigni si dilatano, accrescendo la superficie da cui l’ossigeno passa nel torrente sanguigno. I muscoli dell’addome, del diaframma e del torace interessati alla respirazione diventano più forti e più efficienti. La quantità d’aria che i polmoni di un corridore allenato possono assorbire aumenta notevolmente e il volume per minuto può essere triplicato.
FA BENE AL SANGUE
L’esercizio aerobico produce l’enzima fibrinolisina in maggiori quantità. Scioglie i coaguli di sangue, e, secondo una teoria, potrebbe anche sciogliere i coaguli vecchi nelle coronarie che potrebbero causare attacchi cardiaci. In un esperimento la facoltà del sangue di dissolvere i coaguli fu quasi quadruplicata in alcuni soggetti impegnati in un programma di esercizi della durata di 10 settimane. I corridori allenati hanno livelli più alti di lipoproteine ad alta densità nel sangue. Queste lipoproteine portano via dalle pareti delle arterie il colesterolo in eccesso, riducendo l’accumulo di grassi che potrebbe ostruire i vasi sanguigni e provocare attacchi cardiaci. Nei muscoli allenati, le arterie adiacenti si ramificano e i capillari si infittiscono, per cui le fibre muscolari sono più ossigenate. L’esercizio accresce anche il numero dei globuli rossi, i vettori dell’ossigeno.
FA BENE AI NERVI
I nervi, anche quelli sottilissimi, diventano più efficienti nella trasmissione di impulsi elettrochimici, e stimolano quindi meglio le fibre muscolari, il che ne accresce la resistenza e infine la forza. Con l’allenamento e l’uso, i riflessi sostituiscono le azioni volontarie e i movimenti diventano più efficienti. I muscoli non utilizzati si rilasciano di più e si conserva energia. Il dott. Lucien Brouha, esperto di fisiologia atletica, dice: “Il risultato finale è che, per una data prestazione, diminuisce il dispendio di energia in ragione di un quarto dell’energia totale necessaria prima dell’allenamento”. Gli uomini non sono topi; eppure è interessante il fatto che in un esperimento i giovani topi che facevano dell’esercizio sviluppavano neuroni motori — un tipo di cellule nervose — più grossi di quelli che non facevano esercizio.
FA BENE ALLA MENTE
Coloro che corrono parlano delle gioie del jogging e della naturale eccitazione che si prova. Più specificamente, in un ospedale psichiatrico di Knoxville (Tennessee, U.S.A.) si è riscontrato che la corsa rende i pazienti meno ansiosi. Il dott. Alan Clarke dell’Ospedale di S. Giuseppe di Atlanta (Georgia, U.S.A.) dice: “È risaputo che l’esercizio è il miglior tranquillante. Mi rifiuto di dare medicine ai pazienti affetti da semplice ansietà neurotica finché non abbiano tentato adeguatamente con gli esercizi aerobici”. Un articolo del Medical World News era intitolato: “Il jogging può tenere i depressi lontani dal divano dello psicanalista”. Parlava di due studi, effettuati dall’Università del Wisconsin e dall’Università della Virginia, che confermavano questo punto di vista. Uno studio ha mostrato che l’esercizio stimola nel cervello la produzione di noradrenalina, mediatore chimico della trasmissione nervosa, che allevia la depressione.
FA BENE AI MUSCOLI
Non c’è dubbio che l’esercizio è indispensabile per i muscoli. Altrimenti si atrofizzano. Questi solo alcuni degli effettivi benefici del correre.. Allora sei pronto?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *