Vincite fuori programma alla Snai…

Il popolo italiano, si sa, sta cercando di salvare la propria tasca, rifugiandosi nel sogno di una vincita che possa risolvere i nostri problemi economici : i giocatori delle slot-machine sanno bene cosa significa veder apparire davanti a sé le figure o i numeri giusti, quelli per portarsi a casa, ad esempio, 500.000 euro.

 Sarà forse accaduto anche alle centinaia di giocatori, che hanno tentato la fortuna in questi giorni alle videolottery della Snai che in tutta Italia erogano premi che variano da un minimo di 500 ad un massimo di 500.000 euro.

 Così è accaduto a due signori di Verona, seduti uno a fianco all’altro, che quasi nello stesso istante hanno vinto la medesima somma di 458.000 euro; nemmeno il tempo di gioire che sul display delle slot è apparsa la scritta “Tentativo di riconnessione”….; c’è da immaginarsi lo stato d’animo dei due giocatori che immediatamente hanno provveduto a chiamare la Guardia di Finanza, preoccupati per la sorte delle loro vincite.

 E’ stato accertato che in effetti le somme sono state vinte, ma probabilmente sarà necessario che i due signori si avvalgano di un avvocato che possano tutelare e rivendicare fino in fondo i loro diritti; altri casi di questo genere si sono verificati a Pioltello, nel milanese, dove un operaio quarantenne ha vinto pure lui quasi 500.000 euro e ad Ostia, addirittura, un fruttivendolo, circa 9 milioni di euro.

 Casualità o qualcos’altro? Sembra che l’origine di tutte queste megavincite siano dovute ad un attacco informatico da parte di un “hacker” che ha manomesso il sistema centrale della Snai o più semplicemente l’immissione di un virus informatico che avrebbe causato la “pazzia” telematica.

 Ancora non sono stati quantificati il numero dei “presunti” o “effettivi” vincitori, resta comunque il fatto che la Snai si è già tutelata in merito dichiarando che le cifre superiori a quelle previste dalla Legge non potranno essere pagate ; di certo, passeranno alcune settimane prima di risolvere il “giallo” delle vincite, in quanto sarà il Ministero delle Finanze che si dovrà pronunciare sulla correttezza o meno delle giocate.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *