Virus HIV: il cervello è un ottimo nascondiglio

Il virus HIV, anche quando è debellato totalmente e la sua assenza è certa,si può rifugiare  nel cervello e nel liquido spinale. Ciò è stato rivelato da studiosi  svedesi dell’Università di Göteborg.

Gli studiosi,dopo aver esaminato  i campioni di sangue di 70 persone  sieropositive, sottoposte a trattamento con farmaci antiretrovirali,hanno constatato che, nel 10% dei casi, il virus HIV era ancora presente  nel  liquido spinale.

Quindi, sostengono i ricercatori, se il virus non viene trattato seriamente può rifugiarsi  nel cervello e causare gravi problemi.

Per contrastare il problema ci vorrebbe un  trattamento antiretrovirale a livello cerebrale,ma ciò  è  difficile per vari motivi ,tra cui il fatto che  tale  organo è avvolto  da una barriera protettiva che ostacola  l’ingresso del farmaco.

Uno dei ricercatori, Arvid Eden, ha dichiarato che il cervello funge da nascondiglio provocando effetti meno incisivi  del  trattamento contro il  virus.

I ricercatori sostengono che  non si sa  ancora se piccole quantità del virus HIV  nel liquido spinale possano  generare gravi complicazioni. Comunque sia, non occorre dimenticare tale  caratteristica nello studio  di nuovi trattamenti  contro l’HIV.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *