Win For Life, la pubblicità può ingannare e il gioco dà dipendenza. Vediamo perchè…

win_for_life_dipendenzaWin for Life, il popolare gioco sisal che in questi ultimi giorni sta “sbancando” i botteghini delle ricevitorie in tutta Italia è stato denunciato all’antitrust perchè il suo meccanismo di vincita vero viene letteralmente “nascosto” al pubblico che guarda passivamente la pubblicità del gioco.

Praticamente cosa succede?

Succede che la pubblicità del nuovo gioco sisal dice chiaramente che, giocando una schedina, puoi vincere 4mila euro per 20 anni indovinando la combinazione di numeri 10 + numerone oppure 0 + numerone. Bhe, NON E’ COSI!

Nella parte retrostante della schedina, in carattere molto piccolo, c’è scritto chiaramente che, nel caso ci fosse più di 1 vincitore il premio di 4mila euro per 20 anni va diviso per il numero delle schedine vincenti e quindi dei vincitori.
Questo significa che se ci sono ad esempio 4 vincitori il premio di 4mila euro diventa di mille euro ciascuno!

Questo meccanismo così contorto però non è assolutamente spiegato nella pubblicità, la quale, con l’indicativo presente “VINCI” invoglia tutti ad acquistare ripetutamente le schedine!

Tra l’altro dagli psicologi arriva l’allarme “Win for LIfe è pericoloso, crea dipendenza, giocate con moderazione“.
A sostenerlo sono infatti gli esperti di psicologia i quali affermano che, il costo basso delle schedine da giocare e la voglia di recuperare i soldi giocati o addirittura di vincere il premio da 4mila euro, invogliano le persone a giocare anche più volte al giorno.

La maggior parte delle volte queste giocate non permettono ovviamente neanche di recuperare i soldi giocati e così l’utente è portato a ri-giocare di nuovo per trovare la sua “botta di fortuna”.
Quindi l’avviso è di giocare con moderazione senza strafare e senza superare le proprie possibilità reali di investimento:
Stabilite in anticipo una somma (si spera moderata) che potete giocare e, terminata tale somma, fermatevi, non continuate a giocare!

Il gioco è tale se rimane un momento di divertimento e di sana “tentazione”, se si va oltre può diventare davvero deleterio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *